Appuntamenti autunnali con Sardinia Open Data

SOD4

È finita l’estate, inizia l’autunno e l’associazione questo ottobre sarà attiva all’interno di un serie di interessanti appuntamenti:

  1. Il 2 ottobre condurremo una sessione nel workshop I nuovi Sistemi Informativi Territoriali e la pianificazione partecipata dal titolo OpenStreetMap: quando la mappa viene dal territorio all’interno del festival  Smart Cityness presso la sala Smart della Ex Vetreria di Cagliari.
  2. Il 10 ottobre parteciperemo alla European Code Week promuovendo una sessione teorica pratica di mapping su OpenStreetMap presso lo spazio di coworking Hub/Spoke in via Roma 235 a Cagliari.
  3. Anche quest’anno siamo nella lista delle associazioni territoriali di riferimento che affiancheranno le scuole partecipanti al progetto A scuola di OpenCoesione. Se sei un docente puoi candidare la tua classe compilando questo semplice form.

Quindi non perdeteci di vista perché a breve ci saranno nuovi aggiornamenti.

Annunci

Data Journalism per comunicare lo sviluppo e i temi sociali

Il “datajournalism” è un filone in piena esplosione soprattutto negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, ma anche in Italia la sua diffusione sta crescendo rapidamente. Di cosa si tratta? Come funziona? Quali sono le sue regole e soprattutto quale può essere la sua utilità per comunicare temi sociali, quali lo sviluppo, la cooperazione e le migrazioni internazionali?

Ne abbiamo parlato il 20 febbraio a seguito del webinar gratuito di Ong 2.0 sul tema del “Data Journalism per comunicare lo sviluppo e i temi sociali”.

image01

Ong 2.0 è un network di formazione focalizzato sul tema della cooperazione, delle competenze digitali e della comunicazione.

Il relatore del webinar,Andrea Nelson Mauro,   co-fondatore di dataninja.it e datamediahub.it e vincitore dei Data Journalism Awards con l’inchiesta #MigrantsFiles oltre ad aver illustrato le nozioni introduttive sul Data Journalism ha raccolto una serie di link e suggerimenti utili per chi vuole approfondire il tema e iniziare a lavorare in questo settore. Continua a leggere

Save the data!

Aver a che fare con un’elaborazione dati significa dover ricorrere alle proprie competenze informatiche e statistiche e alla conoscenza che si ha del fenomeno sotto analisi per rispondere a delle domande. Analizzare numeri mette alla prova la nostra creatività e le nostre capacità di trovare soluzioni ottimali a dei problemi. L’esperienza conta, ma forse ancor di più contano la collaborazione e la condivisione.

Continua a leggere

OSM mapping meetings – episodio II

B9LjCQBIQAAV7mN

img by @nordai

Si è svolto Venerdi 6 Febbraio il primo incontrodella seconda edizione degli OSM Mapping Meetings organizzati da Sardinia Open Data .

Dopo una doverosa e generale  presentazione dei volontari, dell’Associazione e dei nuovi partecipanti interessati ai mapping meetings, abbiamo illustrato ai presenti i principi base dell’open data e del free software descrivendo le caratteristiche e sottolineando le motivazione che ci portano a scegliere di utilizzare lo strumento open source OpenStreetMap.

Continua a leggere

Parte la seconda edizione OSM Mapping Meetings. Diventa una mapper!

path6587L’associazione Sardinia Open Data riprende le attività di formazione e informazione gratuite con la seconda edizione del progetto OSM Mapping Meetings.

Cosa sono

Gli OSM Mapping Meetings sono incontri informali che hanno come scopo principale far conoscere lo strumento di mappatura partecipata OpenStreetMap. Si tratta di momenti di aggregazione dedicati a chi si vuole avvicinare per la prima volta al mondo delle mappe libere o a chi è già un “mappatore” esperto e vorrebbe condividere la propria esperienza. Insieme si imparerà a sfruttare gli strumenti che consentono di divulgare e sfruttare dati geografici attraverso OpenStreetMap, aggiungendo e migliorando le informazioni disponibili su un dato territorio. Continua a leggere

Gli Open Data come mezzo per riconquistare la nostra libertà

TTecnologico

Se non abbiamo pieno controllo sulle informazioni che ci riguardano perdiamo la libertà di controllare parte della nostra stessa esistenza (Andrea Zedda).

di Alessandro Ligas

Nel dizionario di Filosofia di Nicola Abbagnano si legge a proposito del concetto di libertà “in generale possiamo dire che è lo stato in cui un soggetto può agire senza costrizioni o impedimenti e possedendo la capacità di autodeterminarsi secondo un’autonoma scelta dei fini e dei mezzi adatti a conseguirli”.

Oggi, nel 2014, siamo costantemente attorniati dalla tecnologia, ma ci possiamo considerare veramente liberi? Cioè siamo realmente capaci di “autodeterminarci secondo un’autonoma scelta”?.

Siamo nell’epoca che viene definita “della conoscenza” dove le informazioni ed i dati, della rete e nella rete, acquistano sempre di più valore. In un modo o nell’altro siamo legati alla cultura digitale, attraverso questa il mondo analogico si fonde con quello digitale. In questo mondo possiamo paragonare il…

View original post 2.651 altre parole

“La storia infinita di Cagliari e della sua pista sul mare”: Il nostro Monithon nella pista ciclabile di Su Siccu

17-Su Siccu - pedana sconnessa

In concomitanza all’International Open Data Day del 22 febbraio scorso abbiamo partecipato alla giornata Monithon 2014 organizzando una passeggiata civica, con mapping party annesso, per monitorare la pista ciclo-pedonale di Su Siccu, a Cagliari.

A distanza di qualche mese ecco finalmente il nostro resoconto sulla nostra esperienza. Abbiamo raccontato tutto nel blog degli amici di monithon.it (con tanto di versione inglese) nel quale è presente anche il relativo report sul monitoraggio, e l’esperto ciclista sardo-americano Kevin Bruce Legge ci ha detto la sua in una videointervista.

Buona visione