Data Journalism per comunicare lo sviluppo e i temi sociali

Il “datajournalism” è un filone in piena esplosione soprattutto negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, ma anche in Italia la sua diffusione sta crescendo rapidamente. Di cosa si tratta? Come funziona? Quali sono le sue regole e soprattutto quale può essere la sua utilità per comunicare temi sociali, quali lo sviluppo, la cooperazione e le migrazioni internazionali?

Ne abbiamo parlato il 20 febbraio a seguito del webinar gratuito di Ong 2.0 sul tema del “Data Journalism per comunicare lo sviluppo e i temi sociali”.

image01

Ong 2.0 è un network di formazione focalizzato sul tema della cooperazione, delle competenze digitali e della comunicazione.

Il relatore del webinar,Andrea Nelson Mauro,   co-fondatore di dataninja.it e datamediahub.it e vincitore dei Data Journalism Awards con l’inchiesta #MigrantsFiles oltre ad aver illustrato le nozioni introduttive sul Data Journalism ha raccolto una serie di link e suggerimenti utili per chi vuole approfondire il tema e iniziare a lavorare in questo settore. Continua a leggere

Save the data!

Aver a che fare con un’elaborazione dati significa dover ricorrere alle proprie competenze informatiche e statistiche e alla conoscenza che si ha del fenomeno sotto analisi per rispondere a delle domande. Analizzare numeri mette alla prova la nostra creatività e le nostre capacità di trovare soluzioni ottimali a dei problemi. L’esperienza conta, ma forse ancor di più contano la collaborazione e la condivisione.

Davanti a un problema, la possibilità di poter ascoltare altri punti di vista e di poter contare su competenze diverse dalle proprie può fornire quel valore aggiunto in grado di metterci sulla giusta strada. Con i dati si possono raccontare storie, ma raramente nei dati è scritta un’unica storia e ancor più raramente esiste un solo modo di raccontarla. Elaborare dati significa fare delle scelte, e le scelte, quando sono frutto di collaborazione, portano a soluzioni più forti.

Per questi motivi, insieme a InsulaR, comunità di utilizzatori del software statistico R, abbiamo deciso di organizzare Save the data!, una serata dedicata all’analisi collaborativa dei propri dati.

Stai lavorando su dei dati e vorresti sentire altre opinioni su come organizzarli, analizzarli, visualizzarli o interpretarli? Sei alla ricerca di qualche strumento di analisi ad hoc per il tuo lavoro? Vorresti conoscere altre persone che si occupano di elaborazione dati con le quali collaborare a qualche progetto? Bene: porta i tuoi numeri e un computer portatile, insieme proveremo a cercare una soluzione.

Save the data! sarà una serata informale nella quale tutto quello che dovrai fare è portare il tuo materiale e lavorare sui tuoi dati, ma con la possibilità di scambiare opinioni e condividere il tuo lavoro con altre persone. Allo stesso modo, se vorrai, potrai anche tu occuparti dei dati di qualcun altro e metterti in gioco personalmente.

Quando
L’appuntamento è per il 7 marzo alle ore 15:00.

Dove
L’evento si terrà a Cagliari, in via Tempio 22, presso lo spazio Domukratica.

Costi
La partecipazione all’evento è libera e gratuita: sarà l’associazione Sardinia Open Data a farsi carico dei costi dell’affitto dei locali e dei servizi. Chi volesse, a titolo volontario può lasciare una piccolissima offerta per aiutare l’associazione a coprire le spese.

Materiale
– Computer portatile
– File di dati

Iscrizione
Per iscriversi all’evento, compilare il modulo qui sotto:

Trattamento dei dati personali (Privacy policy ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. 196/2003)
La informiamo che i dati che fornirà agli amministratori del presente sito al momento della compilazione del modulo di contatto saranno trattati nel rispetto delle disposizioni di cui al d.lgs. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali.
I dati conferiti verranno registrati ed elaborati unicamente con lo scopo di consentire agli amministratori l’iscrizione all’evento. Essi potranno essere conosciuti esclusivamente dagli amministratori del sito, individuati quali incaricati del trattamento, e per nessun motivo potranno essere divulgati a persone o società terze.
Il conferimento dei dati richiesti nel modulo è facoltativo, ma in loro mancanza non sarà possibile inoltrare la domanda di partecipazione all’evento.

Contatti
Per ulteriori informazioni, puoi contattarci all’indirizzo e-mail:
sardiniaopendata@gmail.com

OSM mapping meetings – episodio II

B9LjCQBIQAAV7mN

img by @nordai

Si è svolto Venerdi 6 Febbraio il primo incontrodella seconda edizione degli OSM Mapping Meetings organizzati da Sardinia Open Data .

Dopo una doverosa e generale  presentazione dei volontari, dell’Associazione e dei nuovi partecipanti interessati ai mapping meetings, abbiamo illustrato ai presenti i principi base dell’open data e del free software descrivendo le caratteristiche e sottolineando le motivazione che ci portano a scegliere di utilizzare lo strumento open source OpenStreetMap.

Con grande piacere praticamente tutti i nuovi partecipanti conoscevano e utilizzavano OSM il che ha reso la parte di presentazione  più interessante e densa. Lo scopo di questi incontri è quello di imparare ad utilizzare degli strumenti che consentono di divulgare e sfruttare dati geografici attraverso OpenStreetMap, aggiungendo e migliorando le informazioni disponibili su un dato territorio.

Gli appuntamenti  settimanali comprenderanno  sia attività di formazione in aula che l’applicazione in campo, i cosiddetti mapping parties, vere e proprie attività di raccolta dati in giro per la città grazie al supporto di gps o dei semplici smartphone, strumenti ormai entrati nella quotidianità di ognuno di noi .

Le tematiche trattate, sia in modo teorico che applicato, riguarderanno il mondo di OpenStreetMap: dal suo utilizzo nelle aree più conosciute fino alla sua applicazione come strumento di supporto nelle aree in stato di emergenza in tutto il pianeta.

 

SardiniaOpenData vi aspetta Venerdi dalle 18:30 alle 19:30, a Cagliari in via Tempio n° 22, presso lo spazio DomuKratica, muniti di un PC e possibilmente un mouse per iniziare il mapping su OSM!

Parte la seconda edizione OSM Mapping Meetings. Diventa una mapper!

path6587L’associazione Sardinia Open Data riprende le attività di formazione e informazione gratuite con la seconda edizione del progetto OSM Mapping Meetings.

Cosa sono

Gli OSM Mapping Meetings sono incontri informali che hanno come scopo principale far conoscere lo strumento di mappatura partecipata OpenStreetMap. Si tratta di momenti di aggregazione dedicati a chi si vuole avvicinare per la prima volta al mondo delle mappe libere o a chi è già un “mappatore” esperto e vorrebbe condividere la propria esperienza. Insieme si imparerà a sfruttare gli strumenti che consentono di divulgare e sfruttare dati geografici attraverso OpenStreetMap, aggiungendo e migliorando le informazioni disponibili su un dato territorio. Continua a leggere

Gli Open Data come mezzo per riconquistare la nostra libertà

Originally posted on TTecnologico:

Se non abbiamo pieno controllo sulle informazioni che ci riguardano perdiamo la libertà di controllare parte della nostra stessa esistenza (Andrea Zedda).

di Alessandro Ligas

Nel dizionario di Filosofia di Nicola Abbagnano si legge a proposito del concetto di libertà “in generale possiamo dire che è lo stato in cui un soggetto può agire senza costrizioni o impedimenti e possedendo la capacità di autodeterminarsi secondo un’autonoma scelta dei fini e dei mezzi adatti a conseguirli”.

Oggi, nel 2014, siamo costantemente attorniati dalla tecnologia, ma ci possiamo considerare veramente liberi? Cioè siamo realmente capaci di “autodeterminarci secondo un’autonoma scelta”?.

Siamo nell’epoca che viene definita “della conoscenza” dove le informazioni ed i dati, della rete e nella rete, acquistano sempre di più valore. In un modo o nell’altro siamo legati alla cultura digitale, attraverso questa il mondo analogico si fonde con quello digitale. In questo mondo possiamo paragonare il…

View original 2.651 altre parole

“La storia infinita di Cagliari e della sua pista sul mare”: Il nostro Monithon nella pista ciclabile di Su Siccu

17-Su Siccu - pedana sconnessa

In concomitanza all’International Open Data Day del 22 febbraio scorso abbiamo partecipato alla giornata Monithon 2014 organizzando una passeggiata civica, con mapping party annesso, per monitorare la pista ciclo-pedonale di Su Siccu, a Cagliari.

A distanza di qualche mese ecco finalmente il nostro resoconto sulla nostra esperienza. Abbiamo raccontato tutto nel blog degli amici di monithon.it (con tanto di versione inglese) nel quale è presente anche il relativo report sul monitoraggio, e l’esperto ciclista sardo-americano Kevin Bruce Legge ci ha detto la sua in una videointervista.

Buona visione

StoriediProgetti, ovvero: l’OpenCoesione della Regione Sardegna

Selezione_003La Regione Sardegna tramite la sezione Sardegna Programmazione, presenta StoriediProgetti,  un portale dedicato alle informazioni sui progetti finanziati in Sardegna attraverso le risorse dei vari Programmi di investimento (per ora si parte dal FESR 2007-2013) .

Il portale ha lo scopo di pubblicare e rendere facilmente consultabili tutti i dati dei progetti e dei soggetti beneficiari di tali risorse ed  è basato sullo SMEC, il Sistema di Monitoraggio e Controllo della Regione che è quindi la fonte primaria del sistema informativo.

Continua a leggere